Ecco FIVULLA. Aulla con Fivizzano. Un solo comune, tanti interessi

fortezza_della_brunellaQuesto l’obiettivo finale di pranzi e cene fra vecchi arnesi per creare un solo comune. Grande e ricco. Il PD non ne fa mistero. Questi sarebbero i (poco nobili) motivi.

Il portavoce della possibilità è stato Roberto Valettini, oggi segretario del PD aullese, che, dopo la sconfitta mai metabolizzata del 1995 ad opera di Lucio Barani, ora potrebbe trovarsi improvvisamente su un altro treno, un Freccia Rossa, che porta lontano: addirittura all’accorpamento di Aulla con Fivizzano.

Sarebbe una “razionalizzazione”, di quelle che amano i renziani, sempre sotto la regia discreta ma attenta del PD, del suo segretario e di qualche amico e vari compagni di merende.

Del resto, chi può competere con un regista “dai piedi buoni” e raffinato come Valettini?

Non certo degli sprovveduti come Ughetto Malatesta o consiglieri di complemento come il povero Giovannoni residuo della giunta Simoncini o la mai pervenuta Tania Brunetti.

Il progetto, l’idea sublime, la soluzione geniale è questa: la fusione di due comuni (Aulla e Fivizzano): che figata! FIVULLA.

Se si mettono assieme menti ispirate come il senatore Barani (Lucio) autorevole capogruppo di ALA(LLA’) e Loris Rossetti e poi Alberto(ne) Putamorsi e validi rinforzi. Lunigianesi DOC è chiaro che il progetto non è solo quello di far crollare una banale amministrazione aullese.

Un bel Direttorio, e nemmeno tanto mini, viste le stazze e il girovita.

Bollito e al capolinea il povero Paolo Grassi (che aquila non è mai stato) serve l’unificatore nell’ottica della semplificazione amministrativa; onore al merito!

Aulla in crisi, Fivizzano avviato al disfacimento con scosse interne ben organizzate (dicono) è scenario ideale per azzerare e ripartire. Così il Direttorio “de noaotri” lancia, a mezzo stampa, tramite i maggiorenti di Aulla, un progetto geniale: accorpare i due comuni, farne uno solo (ma grande davvero).

La Verrucola che sorveglia (e gestisce) la Brunella sempre in crisi.

L’ormai esausta amministrazione aullese potrebbe trarre nuova linfa dalle cave Fivizzanesi visto che i camion del marmo non passano da Fosdinovo e che a Carrara sarebbero un po’ impediti.

Tentare nuove strade non è vietato. Così, controllando il traffico della Lunigiana con la dorsale Pontremoli, Aulla, Santo Stefano si risolverebbero tante cose.

E allora via! Partenza!

Mozione di sfiducia (che ad Aulla non passa mai di moda), sotto la regia dell’ALA, visto che quella contro Simoncini ha dato un risultato imprevisto.

Serve anche tessere la ragnatela, usando una segreteria politica interessata e poco attenta ma senza noiose assemblee degli iscritti che fanno solo confusione.

Il Direttorio sa come fare.

Però, però forse il giocattolo si sta rompendo o meglio si è rotto; gli iscritti sono incazzati nei confronti di quel segretario un po’ oscillante politicamente; ritengono che li abbia presi per i fondelli.

C’è il pericolo che il segretario di Aulla si trovi con il cerino in mano, indicato come il principale responsabile della definitiva rottura del centro sinistra in Aulla e, forse, in Provincia.

Lo ha già annunciato Liberamente Paolo Sordi che, si sa, vede politicamente lontano.

E se il progetto del PD è FIVULLA, gli Aullesi gradiranno?

Condividi su:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *