Antonio della Ragione Aulla, La vittoria di MA.RIS

antonio_dellaragione_Sospeso l’affidamento ad un altro gestore del servizio di spazzamento. La mobilitazione dei cittadini paga. Bastava un minimo di buonsenso ma è una qualità totalmente assente in chi sta amministrando il comune di Aulla.

Ho appena ricevuto la comunicazione che la cooperativa sociale MA.RIS continuerà il servizio di spazzamento per il comune di Aulla fino a quando la Magistratura non si pronuncerà in merito al ricorso che ha presentato sul bando relativo all’assegnazione dell’incarico.

Sono contento perché questo rasserena i collaboratori di MA.RIS, un gruppo di persone che svolgono questo lavoro con passione.

Dobbiamo ringraziare i rappresentanti sindacali che hanno avuto un ruolo fondamentale e sono stati al fianco di MA.RIS, dei suoi soci e dei dirigenti con passione per fare si che non si arrivasse ai licenziamenti.

È stata una vittoria significativa al di la dei nomi e dei numeri.

Mi limito a dire che chi amministra straordinariamente avrebbe dovuto dimostrare sensibilità, attenzione, preparazione e competenza molto prima della denuncia pubblica di un cittadino indignato.

Se nessuno si fosse mobilitato oggi i dipendenti di MA.RIS sarebbero tutti licenziati a causa di un provvedimento che sarebbe stato, oltre che discutibile, frettoloso e avventato.

Le denunce servono e, se crediamo nella democrazia, hanno un valore e portano risultati concreti.

Ecco perché sono convinto che non dovevamo arrivare a questi punti e mi chiedo quante altri provvedimenti sono stati adottati o, ancora peggio, rinviati.

Ecco perché  non basta.

Purtroppo ci sono tante altre irregolarità, alcune gravissime, che continuerò a segnalare.

I Cittadini devono tornare a controllare, direttamente e senza restrizioni, quello che succede in comune e devono essere i loro rappresentanti ad avere la responsabilità di amministrare con trasparenza e senso di responsabilità rispondendo in prima persona delle loro azioni.

Condividi su:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *