Carrara ringrazia quelli di prima. Brindisi e polemiche sui bandi per le periferie.

I “fenomeni di oggi” esultano e i socialisti attaccano duro “Brindano con i soldi degli altri” Impreparati e incapaci hanno ereditato progetti e finanziamenti ottenuti da “quelli di prima”.

Il giovane consigliere Guadagni si presenta alla Commissione che presiede e annuncia fieramente che Carrara ha 18 milioni da spendere. Fornisce anche dettagli accurati su dove e come saranno spesi.
Palazzo Rosso, Palazzo Pisani (detto anche dei Partiti) Carrara Est, Marina Est, l’area ex Cat di Avenza saranno fra i principali beneficiati. Bene, bravo!
Preso dalla foga e dall’entusiasmo dimentica di specificare che quei 18 milioni (mica sementine) arrivano grazie alla giunta Zubbani che ha partecipato al famoso Bando per le periferie pensato e finanziato dal governo Renzi. Addirittura con Renzi e prima di Gentiloni, dunque ben prima del governo a pentastellato. Una vita fa. Comunque i soldi arrivano e qualche piccola amnesia è concessa soprattutto a chi in due anni ha fatto zero.
Giostrine storiche e Muri delle Idee sono storia a parte.
Non ci stanno i socialisti che hanno la memoria più lunga di Gabriele Guadagni e (sicuramente) qualche merito in più. “Per amore di verità è bene ricordare ai lamentosi amministratori grillini, che i finanziamenti sono arrivati grazie ad un bando del Governo del 2016 per la riqualificazione urbana delle periferia delle città capoluogo e delle aree metropolitane al quale la giunta Zubbani partecipò proponendo un programma di interventi, gli stessi di cui oggi si sta parlando, ottenendo il massimo dell’importo previsto pari a 18 milioni di euro approvati con DPCM del 6/12/2016 e dal Cipe il 7/3/2017 come a suo tempo ampiamente documentato anche dalle cronache locali» e vanno anche oltre «anziché esultare con una buona dose di faccia tosta i fenomeni di oggi spieghino semmai i ritardi loro e del loro Governo nell’avvio dei lavori e dei progetti finanziati a fondo perduto, tanto necessari per la città perché, negli ultimi anni, i rilevanti investimenti per la realizzazione della Strada dei marmi avevano assorbito la quasi totalità delle risorse disponibili». Poi vanno giù duri senza pietà «noi Socialisti, che siamo orgogliosamente tra “quelli di prima”, abbiamo lasciato progetti e finanziamenti e saremo vigili e attenti affinché l’attuale Amministrazione, che ad oggi non è stata in grado neanche di ripristinare la strada di Colonnata, non sprechi un’ occasione unica per migliorare la vivibilità con la riqualificazione la Città ».
Fino a questo punto la precisazione politica e la nota sui meriti che non spettano a De Pasquale e tanto meno a Guadagni che, dopo due anni, si fanno festa con i risultati degli altri.
Avranno da spendere 18milioni (grazie a quelli di prima) ma, visto come hanno esordito quando, appena insediati, hanno messo mano ai progetti, non c’è da stare tranquilli, considerato che con i lavori iniziati a settembre 2018 lo stadio non è ancora a posto e che la strada per Colonnata è franata tre volte (tanto per dire) le perplessità ci stanno tutte.
È una notizia che può solo far piacere a quanti amano la città ma è bene ricordare che lo sblocco dei fondi è avvenuto grazie ad una protesta corale dei sindaci e dell’ANCI.
Fra le voci di protesta per la sciagurata decisione del governo pentaleghista non si è sentita quella del Sindaco che incassa una bella somma grazie agli “altri” che si sono dimostrati capaci di pensare al futuro di Carrara.
Meno male perché, dopo essersi fatti bocciare l’improponibile megaprogetto delle scuole a Marina di Carrara, avranno modo di realizzare qualcosa grazie a risultati ottenuti da altri che prevedono interventi di recupero e restauro su Palazzo Rosso (2milioni di euro) e su Palazzo Pisani (3 milioni di Euro) potranno rifare strade e marciapiedi di Carrara Est oltre che di Via Verdi e potranno finanziare interventi sugli edifici del centro storico (3milioni a disposizione).
Sempre grazie al lavoro “degli altri” il Comune potrà effettuare rifacimenti dei marciapiedi di Marina Est, recuperare l’area Ex Cat ad Avenza da destinare alla Protezione civile e alle associazioni del Terzo settore e potrà intervenire sull’area esterna della scuola Gentili da destinare a servizi culturali e sociali a Fossola, frazione dove il sindaco, per sua stessa ammissione in consiglio comunale, non riesce nemmeno ad intervenire sulla sosta notturna delle auto.
La deliberazione degli “altri” è la numero 458 DEL 25/08/2016 che riporta le somme per ogni singolo progetto.
Per fortuna c’è chi ha guardato lontano pensando a una mobilità sostenibile prevedendo di “rifunzionalizzare” il tracciato dell’ex Ferrovia Marmifera. Mancano i treni a 5Stelle promessi dai grillini di Carrara. C’è da augurarsi che, almeno stavolta, costosi assessori ed altri di comprovata incapacità riescano a portare a termine, nei tempi previsti, interventi pensati e finanziati da “altri. Avranno poco spazio per sbagliare grazie ai progetti di chi c’era prima. Comunque, dicono i Socialisti “Noi, che siamo orgogliosamente tra “quelli di prima”, abbiamo lasciato progetti e finanziamenti e saremo vigili e attenti affinché l’attuale Amministrazione, che ad oggi non è stata in grado neanche di ripristinare la strada di Colonnata, non sprechi un’ occasione unica per migliorare la vivibilità con la riqualificazione la Città “.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *