Le promesse temporanee  e le precarie a vita

Cuoche part-time e cucina tutto l’anno. Il sindacato USI-S ricorda promesse e impegni non mantenuti e conflitto di interessi. Insomma, il peggio della vecchia politica. La vicenda delle cuoche Part time. Estate Ragazzi va fino a Ferragosto, le cuoche part-time hanno un contratto fino a luglio. promesse temporanee cuoche precarie a vita

 

Facile stare all’opposizione e tuonare contro tutto e tutti.

Meno facile amministrare promettendo e dimenticando di mantenere gli impegni. Soprattutto quando a pagare sono le donne.

Il sindacato USI-S, con Luca Albertosi, lo ricorda all’assessore alle partecipate Martinelli che, in questi giorni di luglio, qualche problema, vecchio e nuovo, se lo trova davanti. «I grillini – dice Albertosi – ricordano il peggio della vecchia politica. Un anno fa l’assessore alle Partecipate incontrò le cuoche di Apuafarma. Promise di affrontare il nodo di Estate Ragazzi. Si tratta di servizi estivi organizzati da Nausicaa/Apuafarma senza utilizzo pieno delle cucine, quindi meno attrattivi per le famiglie». Evidente che se i figli non pranzano ma devono tornare a casa le famiglie scelgono altre soluzioni.

«A questa assurdità – dice Albertosi – si somma l’assurdità dei contratti di nove mesi alle cuoche di Nausicaa, che smettono di lavorare a fine luglio, mentre Estate Ragazzi va fino a Ferragosto. Le cuoche comunali invece hanno contratti di dodici mesi. Il contratto part-time condanna le cuoche alla miseria. Ad un piccolo numero di loro è stato proposto di lavorare fino a Ferragosto, ma in lavoro straordinario, quindi con una retribuzione in larga parte “mangiata” dalle tasse, ridicola». Qui l’articolo completo

Dunque « Non è vero che non vogliono lavorare. “Quelli di prima” restano al loro posto in Nausicaa, nonostante il conflitto d’interesse con i “pullministi”».

E’ chiara – sostiene il segretario del sindacato USI –  «la volontà dei grillini di non allungare il servizio in tutte le cucine fino a Ferragosto, nonostante le promesse d’assessore. Allungando i contratti di lavoro infatti nascerebbe un diritto delle cuoche ad un contratto più lungo: ogni anno lavorerebbero dieci mesi anziché nove. I 5 stelle, ora che sono partito di governo, vogliono contenere le spese del personale e presentarsi come buoni amministratori. Dividono il lavoro pubblico e creano precariato con agenzie interinali e in altri modi. Le più danneggiate sono donne, come le cuoche part-time di Nausicaa. Nonostante le intemerate dell’assessore Martinelli»

 

Fine della prima puntata, in attesa di risposta, replica e controreplica.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *